Alcuni dati sulla Via della Seta

Per la realizzazione della Via della Seta, che dovrebbe impiegare infrastrutture e nodi nevralgici, sono stati stanziati già oltre 100 miliardi. L’obiettivo del progetto è rafforzare i collegamenti infrastrutturali, commerciali e di investimento tra la Cina e altri 65 paesi che rappresentano, insieme, oltre il 30% del Pil globale. L’iniziativa è rivolta al 62% della popolazione e coinvolge il 75% delle riserve energetiche note.
La Silk Road Economic Belt, la ‘via della seta’, collegherà la Cina all’Asia centrale e meridionale per proseguire verso l’Europa. Punti centrali sono il Canale di Suez, il Porto del Pireo, Porti del Nord Africa tutti con proiezione verso lo stretto di Gibilterra. In questo scenario è inevitabile pensare all’Italia come testa di ponte di un complesso traffico marittimo che collega l’aria Asiatica al fronte più occidentale dell’Europa.

Precedente Xi Jinping ufficializza la visita e il Papa è pronto a incontrarlo Successivo Flat Tax. Aggiornamenti